F.A.Q

Domande frequenti sull’Energia e sul Risparmio.

Sezione gestita dal Nostro Partner DUFERCO.

Schermata 2014-07-28 alle 14.54.01

Q – Come e quando viene effettuata la lettura del contatore Gas?

A – La rilevazione dei consumi avviene secondo due modalità:

  1. lettura diretta del contatore da parte del Distributore locale
  2. autolettura da parte del cliente

La lettura diretta del contatore da parte della Distribuzione locale avviene:

  • Almeno una volta l’anno per i clienti che hanno consumi fino a 500 mc/anno
  • Almeno una volta ogni sei mesi per i clienti con consumi speriori a 500 mc/anno e  fina e 5000mc/anno
  • Almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5000 mc/anno

La comunicazione dell’autolettura da parte del cliente può invece avvenire o tramite numero dedicato 800939300 (da rete fissa) 199756245 (da cellulare), tramite mail scrivendo all’indirizzo clienti@dueenergie.com o tramite portale http://selfcare.dueenergie.com/Selfcare3

L’autolettura del contatore può essere effettuata secondo le modalità sopra descritte gli ultimi 5 giorni lavorativi del mese in caso di periodicità di fatturazione mensile o gli ultimi 5 giorni lavorativi di ogni bimestre in caso di periodicità di fatturazione bimestrale (alla fine dei seguenti mesi Gennaio, Marzo, Maggio, Luglio, Settembre, Novembre).

 

Q – Chi può chiedere il bonus sociale elettrico per i clienti domestici disagiati?

A – Il bonus sociale elettrico può essere richiesto dalle seguenti tipologie di famiglie:
• famiglie in condizione di disagio economico;
• famiglie numerose;
• famiglie in cui vive una persona in gravi condizioni di salute, costretta all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Possono accedere al Bonus Elettrico tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura di energia elettrica con potenza impegnata fino a 3 kW (nel caso nucleo familiare composto al massimo da 4 persone), o fino a 4,5 kW (per un nucleo familiare composto da più di 4 persone). E’ inoltre necessario che l’indicatore ISEE del nucleo familiare non superi i 7.500 € (o, nel caso di nuclei familiari con più di tre figli a carico, che non superi i 20.000 €).

Possono infine accedere al Bonus Elettrico tutte le famiglie presso cui viva un malato grave che debba usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita. In quest’ultimo caso, non vi è alcuna limitazione di residenza o di potenza impegnata.

 

Q – Cos’è il PCS?

A – Il PCS (Potere Calorifico Superiore) è uno dei parametri che indica la qualità del gas e corrisponde alla quantità di calore sviluppata dalla combustione completa di un metro cubo di gas naturale a condizioni standard.

A parità di utilizzo, ad un PCS elevato (che indica una buona qualità del gas) consegue un impiego inferiore di metri cubi, rispetto al volume consumato con un PCS basso.

Il valore del PCS viene calcolato mensilmente in base a misurazioni effettuate nei punti in cui il gas viene immesso nella rete di Distribuzione e il coefficiente derivante da tale calcolo agisce come moltiplicatore del prezzo del gas in fattura.

 

Q – Cosa si intende per fasce orarie?

A – Il prezzo dell’energia elettrica può variare a seconda dell’ora del giorno in cui si utilizza.

Nel mercato libero tale suddivisione potrebbe essere decisa in comune accordo tra il cliente ed il fornitore, tuttavia tipicamente si utilizzano le seguenti suddivisioni.

 

Tre fasce:

F1 sono le ore di punta:8 – 19.00 dei giorni lunedì – venerdì

F2 sono le ore intermedie:7-8 e 19-23 dei giorni lunedì-venerdì, 7-23 del sabato

F3 sono le ore fuori punta:00-7 e 23-24 dei giorni lunedì-sabato oltre a tutte le ore per domenica e festivi

 

Picco e Fuori picco (Peak, Off Peak)

Le ore di Fuori Picco sono, nei giorni dal lunedì al venerdì, le ore comprese tra le 00.00 e le 08.00 e tra le 20.00 e le 24.00 e, nei giorni di sabato e domenica e festivi, tutte le ore.

Le ore di Picco sono le ore dell’anno comprese tra le 08.00 e le 20.00 di tutti i giorni dal lunedì al venerdì.

In alcuni casi le ore vengono raggruppate anche in due fasce, quelle in F1 (ore piene) e la somma di F2 e F3 (ore vuote).

 

Q – Cosa sono le perdite di rete?

A – Le perdite di rete sono le dispersioni naturali di energia durante il trasporto dell’elettricità dalla centrale elettrica al luogo di fornitura. Sono fissate in modo convenzionale dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas secondo coefficienti standard associati ai diversi livelli di tensione: 10,4% dell’energia prelevata per le utenze in bassa tensione; 4% per la media tensione; 1,8% per l’alta tensione.

Ad esempio, per un consumo in bassa tensione pari a 100 kWh l’energia prodotta dalla centrale è pari a 100 + 10,4% = 110,4 kWh.

Il prezzo dell’Energia può essere espresso al netto delle perdite di rete (in fattura saranno presenti due voci distinte: una relativa al costo dell’energia prelevata ed una relativa al costo delle perdite), o ricomprenderle (in fattura sarà presente un’unica voce comprensiva del costo dell’energia prelevata maggiorata delle perdite di rete).

Le suddette alternative variano a seconda del contratto sottoscritto dal cliente con il proprio fornitore e non comportano differenze nel costo finale dell’energia applicato in fattura.

 

Q – Cos’è il codice POD?

A – È un codice alfanumerico di 14 caratteri  identificativo dei punti di prelievo di energia .

Il codice POD è visualizzabile  sul display del contatore o nel riquadro dei dati tecnici presente in fattura.

Al momento dell’ attivazione, ad ogni codice pod viene associato il cliente finale che risulterà intestatario della fornitura fino a cessazione del contratto di fornitura stesso.

Un pod cessato risulterà contendibile e riattivabile da qualsiasi fornitore sia del mercato libero sia di quello tutelato.

 

Q – Come si riattiva un contatore chiuso?

A – La riattivazione di un punto di prelievo è possibile solo se l’utenza risulta cessata.

Nel caso dell’ utility gas, sarà sufficiente fornire al proprio trader la matricola riportata sul contatore.

Il fornitore al momento dell’ inserimento della pratica, riceverà dalla distribuzione un appuntamento da comunicare al cliente finale, durante il quale il tecnico verificherà eventuali manomissioni o malfunzionamenti prima di ripristinare la fornitura.

Le tempistiche delle pratiche di riattivazione gas varieranno in base alla distribuzione competente.

Nel caso dell’utility energia, sarà necessario fornire al proprio trader il codice pod riportato sul display del contatore per procedere telematicamente all’ inserimento della pratica e alla relativa attivazione.

Non essendo necessario un intervento tecnico in loco,  la fornitura elettrica risulterà attiva entro cinque giorni lavorativi dall’inserimento della richiesta.

 

Q – Chi contattare in caso di guasto del contatore?

A – Nel caso in cui si verifichino interruzioni o guasti della fornitura, è necessario contattare il numero di pronto Intervento presente nella bolletta. Al numero verde indicato risponderà direttamente la distribuzione di zona che provvederà all’ invio di un operatore in loco per il ripristino del guasto.

 

Q – Cosa significa scegliere Duferco come fornitore di energia elettrica?

A – Significa comprare energia elettrica da Duferco. L’energia elettrica viene trasportata attraverso la rete di distribuzione locale, cioè gli ultimi chilometri di cavi che portano l’energia a casa del cliente. Il distributore è proprietario della rete di distribuzione. Duferco, come tutte le società del libero mercato includerà in fattura i costo di trasporto che sarà tenuto a pagare al Distributore oltre agli altri costi dovuti come da delibera AEEG.

 

Q – Perché dovrei cambiare fornitore e scegliere Duferco?

A – Perché Duferco è un operatore esperto e competente del mondo dell’energia elettrica e del gas naturale e per i clienti rappresenta un interlocutore affidabile ed efficiente.

 

Q – Cosa devo verificare di un “offerta” o di una “ Proposta di adesione contrattuale”? 

A – Per valutare un’offerta o una proposta di adesione contrattuale e verificare se il servizio offerto risponde alle proprie esigenze, è molto importante leggere attentamente almeno le clausole che stabiliscono:

  • quali prestazioni saranno effettivamente fornite al cliente;
  • la data di avvio del servizio e la durata del contratto;
  • il prezzo del servizio e le sue possibili variazioni nel tempo;
  • le eventuali garanzie che il cliente deve fornire al venditore per ottenere il servizio (ad esempio, un deposito cauzionale);
  • come e quando saranno misurati i consumi;
  • le conseguenze per il cliente che non paga le bollette entro la scadenza prestabilita;
  • i tempi e le modalità di recesso;
  • come fare per ottenere informazioni, presentare un reclamo o risolvere una controversia con l’impresa di vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *